COLLA PER BORDATRICI

181,25 +iva

Collante termofondente a base eva di media viscosità, per bordatrici automatiche di uso generale. È utilizzato per l’incollaggio di bordi in laminato plastico, carta impregnata, tranciato, plastica (abs, pvc) su pannelli legnosi quali truciolare o mdf, ove è richiesta facilità di scioglimento della colla. Si distingue per l’alto potere adesivo e coesivo.

COLLA PER BORDATRICI
COLLA PER BORDATRICI 181,25 +iva

COLLA PER BORDATRCI

Collante termofondente a base EVA di media viscosità, per bordatrici automatiche di uso generale; idoneo anche per soft-forming. È utilizzato per l’incollaggio di bordi in laminato plastico, carta impregnata, tranciato, plastica (ABS, PVC) su pannelli legnosi quali truciolare o MDF, ove è richiesta facilità di scioglimento della colla in relazione alla buona resistenza al calore (rinvenimento). Si distingue per l’alto potere adesivo e coesivo.

CARATTERISTICHE
Specifiche di fornitura: Viscosità a 200°C (UNI EN 12092) 120.000 ± 20.000 mPa s
Altre caratteristiche tecniche *: Base EVA
Colore Neutro, bianco, noce Ring & Ball 85 – 102°C

*Dati non oggetto di specifica

CONDIZIONI OTTIMALI D’IMPIEGO

Temperatura in vaschetta 180 – 190°C
Temperatura su rulli di spalmatura 190 – 210°C
Quantità necessaria a seconda dei materiali 180 – 250 g/m²
Velocità di avanzamento 15 – 30 m/min
Pressione sui rulli 3 – 5 kg/cm²
Temperatura ambiente e temperatura dei materiali 18 – 25°C

RACCOMANDAZIONI UTILI PER L’UTILIZZO

-Controllare periodicamente la temperatura del collante in vaschetta e sul rullo dosatore per evitare anomalie tra temperature impostate e temperature reali.
– Se nel corso del lavoro ci sono pause, è opportuno ridurre le temperature di almeno 30°C, onde evitare indesiderate ossidazioni del prodotto.
– Tenere sempre piena la vaschetta di alimentazione e con coperchio sempre chiuso per evitare l’alterazione del prodotto, la formazione di croste, ecc.
– Prima dell’avvio della produzione, controllare la completa fusione della colla.
– Spalmature di colla ad una temperatura inferiore a quella di fusione, possono provocare difetti di incollaggio.
– Controllare l’assenza di polvere sui bordi da incollare, poiché ha una funzione antiadesiva e distaccante.
-I materiali debbono essere climatizzati a temperatura ambiente. La temperatura dell’ambiente e dei materiali non deve essere inferiore a +15° C. EVITARE CORRENTI D’ARIA.
-Verificare le pressioni dei rulli pressori per garantire un perfetto contatto tra le superfici. Le parti da incollare debbono essere perfettamente combacianti e lisce.
– Prima di introdurre in lavorazione nuovi materiali, verificare con prove di incollaggio l’idoneità degli stessi ad essere correttamente incollati.
– La resistenza al caldo e al freddo dell’incollaggio dipende dalla qualità dell’incollaggio, dalla bagnabilità dei bordi, dalla tipologia di bordo, dalle tensioni sui materiali e dal tempo di azione della temperatura. E’ necessaria pertanto un’accurata valutazione da parte dell’operatore affinché l’incollaggio sia idoneo ai manufatti da produrre.

Nel caso di successiva verniciatura dei pezzi incollati è preferibile effettuare una mano preliminare leggera e prevedere un tempo di essiccazione prolungato per favorire l’espulsione del solvente. Controllare preventivamente che il sistema di incollaggio sia idoneo al tipo di verniciatura da eseguire e che il ciclo di verniciatura sia idoneo al tipo di incollaggio eseguito.

Il prodotto non è considerato pericoloso in accordo con il Regolamento CE 1272/2008 (CLP).

COLLA PER BORDATRICI 1Scheda Tecnica
COLLA PER BORDATRICI 3Scheda Sicurezza